AQMI tra declino strategico e terrorismo economico nel Maghreb

Standard

Vi è un trend alquanto interessante che sta emergendo nelle ultime settimane in Nord Africa: il crescente focus – retorico, per il momento – dei gruppi Qaedisti verso il Jihad economico nella regione. Ad inizio Aprile 2018, all’inizio della campagna elettorale per le municipali in Tunisia, Uqba ibn Nafi (UIN) – l’affiliato tunisino di Al-Qaeda nel Maghreb Islamico (AQMI) – ha pubblicato  un documento di sei pagine, riprendendo una serie di temi che spesso risuonano nelle strade tunisine: la rivoluzione dei gelsomini e la primavera araba non hanno portato alcun cambiamento reale e i politici tunisini restano “gli agenti corrotti dell’Occidente, in particolare della Francia”.

Questo documento ha causato, molte polemiche, visto che UIN ha fatto chiaramente riferimento ad un tema alquanto spinoso dell’attuale dibattito nazionale: quello sulla commissione “Verità e Giustizia” (Instance de vérité et de dignité – IVD) e la pubblicazione di una serie di documenti sull’influenza storica della Francia nell’economia e nella politica tunisina. Il mese successivo, anche AQMI ha pubblicato un documento simile, chiamando a raccolta le genti del Nord Africa per boicottare e attaccare gli interessi economici occidentali nella regione, un qualcosa non nuovo per AQMI: l’attacco di In Amenas nel Gennaio 2013, è un esempio di Jihad economica, ma anche l’industria dei rapimenti, oleata da AQMI alla fine degli anni ‘2000, aveva questa logica, visto che voleva non solo essere uno strumento per rafforzare il proprio profilo finanziario, ma aveva come obiettivo anche quello di distruggere l’economia del turismo nel Maghreb e nel Sahara.

La tempistica di questa chiamata alle armi non è casuale: AQMI ed i suoi affiliati si trovano in una situazione di difficoltà alquanto significativa nelle sue aree di azione storica. Il gruppo, oramai, ha spostato stabilmente il centro della propria azione operativa nel Sahara e nel Sahel, principalmente nella Libia meridionale e nel Mali settentrionale, con la creazione del Gruppo per il Supporto dell’Islam e dei Musulmani (Jamaat Nusrat al-Islam wal Muslimeen – JNIM) e i ripetuti attacchi nei paesi della regione.

Nel Maghreb, nonostante qualche attacco, come quello in Algeria di Febbraio, si trova ad affrontare un significativo declino operativo di lunga durata e una notevole pressione strategica che arriva da attori regionali e non. Negli ultimi mesi, Algeria e Tunisia hanno ucciso quattro importanti leader qaedisti, mentre gli Stati Uniti hanno ammazzato Abu Musa al-Dawud in un bombardamento nel sud della Libia. La chiamata al Jihad economico potrebbe, quindi, un metodo relativamente efficiente per cercare di fermare questo declino strategico in quella regione che, nonostante i cambiamenti degli ultimi dodici anni, dovrebbe ancora rappresentare il principale teatro operativo del gruppo ma in cui AQMI e affini fanno fatica.

Allora, con la Libia in ebollizione per gli attacchi dello Stato Islamico, i problemi con le milizie di Tripoli, l’offensiva di Derna e i misteri sulla salute di Haftar (che sembra stare bene, ma per due settimane vi erano stati rumors di tutti i tipi), è qui bisogna guardare, sia come luogo dove questo Jihad economico può dispiegarsi – e lo Stato Islamico, in passato, ha usato una strategia del genere – o come piattaforma logistica per organizzare attacchi nei paesi vicini, ed in tal senso i paesi della regione si muovono per evitare problemi  nei prossimi mesi.

Per ricevere la nota analitica di MedEye (in inglese) su questa questione, manda un email qui.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...